Società Guide Alpine di Cogne
Scuola di alpinismo e scialpinismo

Il paese

Immaginate una grande prateria che termini con una montagna "rovesciata", cioè a forma di V. Ecco Cogne, i prati di Sant'Orso e lo straordinario massiccio del Gran Paradiso. Innevato in tutte le stagioni, questo massiccio, malgrado le sue alte vette ed i nomi di alcuni ghiacciai come "la tribolazione", ha una forma accogliente ed ispira potenza e grazia al tempo stesso. Il centro abitato più importante è il paese di Cogne ma per gli alpinisti il villaggio di Valnontey, proprio ai piedi del Gran Paradiso, ha un ruolo imbattibile. Siamo qui al centro del Parco Nazionale del Gran Paradiso e, se venite in una stagione non troppo affollata, sarà normale vedere molti animali non comuni passeggiare da queste parti: lo stambecco, re indiscusso, il camoscio, la marmotta, l'aquila reale, la faina, la volpe, la lepre, la pernice e tanti altri animali sono sicuramente ben più numerosi, silenziosi e generalmente più eleganti di noi umani. Vi consigliamo di visitare Cogne nei mesi di giugno e settembre quando il silenzio regna ancora sovrano e la natura è ancora vitale. Per gli amanti dell'inverno il tardo febbraio e il mese di marzo sono forse i più belli.

Cogne è famosa per le sue miniere di magnetite, ormai dismesse ma visitabili, per i “dentelles de Cogne”, ricami al tombolo, per la marcia Gran Paradiso, gara di gran fondo di 45 km, per il suo giardino botanico “Paradisia”, che raccoglie numerose specie floreali e di farfalle, un vero paradiso per i botanici e gli entomologi.

È conosciuta in inverno per la sua rete di piste da fondo che si sviluppa su tre vallate, quella principale, la Valnontey e la Valleile, e per le sue innumerevoli cascate di ghiaccio che, essendo più di 120, ne fanno il centro europeo di arrampicata su cascate di ghiaccio più grande in Europa e probabilmente al mondo. Grazie alla disposizione delle sue vallate, la caratteristica di queste cascate è quelle di essere, anche negli anni più difficili dal punto di vista meteorologico, sempre ben formate e numerose, attirando un gran numero di appassionati anche stranieri.

Molto conosciuta anche in estate per la sua rete di sentieri ben segnalati e che collegano anche tra loro le varie valli del Parco (valle di Cogne, Valsavarenche, Val di Rhemes) mediante tracciati che fanno parte dell’ Alta Via numero 2 o “Alta Via Naturalistica” che corre da Champdepraz a Courmayeur passando attraverso il parco regionale del Mont Avic, il parco nazionale del Gran Paradiso, il gruppo del Ruitor ed arrivando in Val Veny al cospetto del Monte Bianco. Dal 2010, anno in cui ha visto la luce la sua prima edizione, le Alte Vie della Valle d’ Aosta sono teatro di una competizione di sky running tra le più impegnative al mondo denominata “Tor de Geants”. Gara spettacolare caratterizzata da 6 giorni di gara, 330  Km di sviluppo e 24.000 m di dislivello positivo passa per Cogne, entrando in valle al Col Lauson e lasciandola per la valle di Champorcher attraverso la Fenêtre de Champorcher.